lunedì 21.05.2018
caricamento meteo
Sections

27 gennaio, il Giorno della memoria lungo la via Emilia

Numerose le iniziative in regione dedicate al ricordo delle vittime dell'olocausto. Inaugurata da Bonaccini la mostra dedicata ad Arpad Weisz a Bologna

In sintesi

Mostre, rassegne, applicazioni per smartphone: il filo della memoria si snoda lungo la via Emilia. Sono numerose le iniziative in regione per la giornata dedicata al ricordo delle vittime dell'Olocausto, fissata ogni anno nella data in cui venne liberato il campo di concentramento di Auschwitz, il 27 gennaio 1945.  
Bologna, per le celebrazioni in sinagoga e in piazza Nettuno sarà presente l’assessore regionale Massimo Mezzetti, in rappresentanza della Regione. 
Sempre in città sono in corso due mostre: "Arpad Weisz, dal successo alla tragedia", con anche il presidente Bonaccini che ha partecipato all'inaugurazione, al Museo ebraico fino al 18 marzo, e "Il rumore del vuoto. Assenze e presenze nell’istituto magistrale Laura Bassi durante le leggi razziali”, nell'Assemblea legislativa della Regione fino al 28 febbraio.

 

26.01.2018

Mostre, spettacoli, rassegne, applicazioni per smartphone: il filo della memoria corre lungo la Via Emilia con numerose iniziative perché, parole di Primo Levi, "se comprendere è impossibile, conoscere è necessario".
Era il 27 gennaio del 1945 quando l’esercito russo aprì i cancelli del campo di concentramento di Auschwitz liberando i prigionieri dallo sterminio nazista. Grazie alla legge n. 211 del 20 luglio 2000 approvata dal Parlamento, in questa data viene celebrato ogni anno il “Giorno della memoria” per ricordare le vittime dell'Olocausto.
Anche quest’anno, nel 73esimo anniversario, sono numerose le iniziative in tutta l’Emilia-Romagna (per il dettaglio nelle città vedi i link a fianco).

A Bologna alle ore 12.30 l’assessore regionale alla Cultura, Massimo Mezzetti, sarà presente presso la sinagoga di via Finzi 2 per la deposizione della lapide ai deportati ebrei nei campi di concentramento e poi in piazza Nettuno.

Sempre in città sono due le mostre inaugurate nei giorni scorsi per ricordare le vittime della Shoah.
Arpad Weisz, dal successo alla tragedia , dedicata alla figura dell'allenatore ebreo ungherese che portò il Bologna FC a vincere due scudetti (1936, 1937). La mostra, aperta il 21 gennaio scorso alla presenza, tra gli altri, del presidente della Regione, Stefano Bonaccini, è al Museo ebraico fino al 18 marzo (da domenica a giovedì ore 10-18, venerdì 10-16, sabato e festività ebraiche chiuso, ingresso libero).

Il rumore del vuoto. Assenze e presenze nell’istituto magistrale Laura Bassi durante le leggi razziali”: è la mostra inaugurata il 22 gennaio nell'Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna dalla presidente Simonetta Saliera. Dieci pannelli con i nomi delle persone espulse, foto e altri documenti che si possono vedere anche con il cellulare, semplicemente scaricando la app e avvicinando lo smartphone al pannello. È visitabile, nei locali dell’Assemblea (Bologna, viale A. Moro, 50), fino al 28 febbraio . 

Azioni sul documento
ultima modifica 26/01/2018

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali