sabato 25.03.2017
caricamento meteo
Sections

Relazioni internazionali


Cosa fa la Regione

L’azione della Regione Emilia-Romagna per le attività internazionali fa riferimento alle aree geografiche e alle priorità individuate dal documento pluriennale di indirizzi in materia di cooperazione internazionale e attività internazionale, così come prevede l’art. 5 della legge regionale 24 marzo 2004, n. 6, "Riforma del sistema amministrativo regionale e locale, Unione Europea e relazioni internazionali: innovazione e semplificazione. Rapporti con l'Università".

L’art. 4 della legge regionale 6 definisce le tipologie di azioni attraverso cui la Regione esercita le proprie attività di rilievo internazionale:

a) iniziative di cooperazione allo sviluppo, solidarietà internazionale e aiuto umanitario,

b) attività promozionali dirette nel campo del marketing territoriale, del commercio e della collaborazione industriale, del turismo, del settore agroalimentare, della cultura e dello sport;

c) predisposizione di missioni, studi, eventi promozionali;

d) attività promozionali indirette, quali il supporto a soggetti pubblici e privati presenti sul territorio dell’Emilia-Romagna, ma non dipendenti dall’amministrazione regionale, per l’attuazione di iniziative similari a quelle indicate alle lettere a), b) e c);

e) iniziative di scambio di esperienze e assistenza istituzionale con le amministrazioni di Regioni ed altri enti esteri;

f) supporto ad iniziative di scambio e collaborazione in campo universitario, scolastico e delle politiche giovanili;

g) supporto, promozione ed incentivazione allo sviluppo dei gemellaggi tra i Comuni e le Province dell’Emilia-Romagna, quelli europei e del mondo e alle iniziative degli stessi per la diffusione di una cultura di pace;

h) iniziative a supporto del reclutamento e della formazione di personale destinato ad immigrare per motivi di lavoro in Emilia-Romagna.

Il Piano triennale 2013-2015 definisce i seguenti obiettivi:

  1. promuovere la internazionalizzazione del sistema produttivo,
  2. contribuire allo sviluppo della conoscenza e alla valorizzazione dei saperi regionali,
  3. promuovere modelli di welfare innovativi basati sulla coesione sociale,
  4. valorizzare gli elementi distintivi dell’Emilia-Romagna,
  5. consolidare azioni di solidarietà e cooperazione allo sviluppo, solidarietà internazionale e diffusione di una cultura di pace
  6. valorizzare le comunità degli Emiliano-Romagnoli all’estero.

Per quanto riguarda le tipologie di azione, avranno uno specifico rilievo le attività di:

a) cooperazione istituzionale e rafforzamento dei partenariati bilaterali/multilaterali
che si manifesterà essenzialmente attraverso:

  • iniziative per il rafforzamento dei legami politico-istituzionali a livello internazionale ;
  • firma di accordi e intese con Stati o Regioni straniere;
  • realizzazione di incontri in Emilia-Romagna con delegazioni istituzionali estere e missioni

istituzionali all’estero;

promozione del Sistema regionale.

b) consolidamento delle reti regionali europee

c) progettazione e gestione di attività su specifici programmi.

A chi rivolgersi

Gabinetto del Presidente della Giunta

viale Aldo Moro 52 - 40127 Bologna
telefono 051 527 3058

fax 051 527 5200

capodigabinetto@regione.emilia-romagna.it

email certificata capodigabinetto@postacert.regione.emilia-romagna.it

Responsabile P.O. Relazioni internazionali Rossana Preus

 

Servizio Sportello regionale per l'internazionalizzazione delle imprese

Viale Aldo Moro, 44 - 40127 Bologna
telefono: 051.527.6309
fax: 051.527.6512
sportelloestero@regione.emilia-romagna.it
email certificata: sportelloestero@postacert.regione.emilia-romagna.it

responsabile Ruben Sacerdoti

Azioni sul documento
Pubblicato il 10/06/2013 — ultima modifica 06/05/2016

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali